Vivere a Rio de Janeiro


Dopo alcuni mesi vissuti in quella che viene chiamata "la città meravigliosa" credo di essermi fatto una opinione abbastanza completa di una metropoli molto contraddittoria, estremamente bella ma anche alquanto "problematica".

Che dire di Rio de Janeiro che già non si conosca?
È la città con la più grande foresta urbana del mondo, con le spiagge immense famose, celebrate e conosciute in ogni angolo del pianeta, la città che ospita più turisti dopo Parigi, una città piena di artisti, la città del samba e del carnevale .... ma non solo quello, infelicemente.

La "città del Cristo" si può facilmente dividere in zona sud, la zona delle migliori spiagge e dei quartieri nobili (Leblon e Ipanema, solo in parte Copacabana), la zona della Lagoa che è molto bella, interessante e affascinante, il quartiere boemio di Santa Teresa dove si possono trovare case molto antiche e ben ristrutturate e la famosa Barra di Tijuca che ci porta fino alle spiagge del Recreio.

Oltre a questo mi ha favorevolmente colpito un'altro quartiere che funziona molto bene la notte ed è situato nel centro di Rio: la Lapa....bom de mais!
La cosa che meno mi è piaciuta di Rio de Janeiro è il fatto che al lato dei quartieri nobili si inerpicano le favelas che per incredibile che possa sembrare occupano le colline più belle e conosciute del mondo che si affacciano sulla Baia de Guanabara uno dei paesaggi sicuramente più belli del pianeta.

Triste è vedere una città tanto bella piena di immondizia e con una grande quantità di "senza fissa dimora" che dormono sui marciapiedi e chiedono continuamente elemosina finanche dentro al supermercato.
Parlare dei carioca di Rio de Janeiro mi risulta difficile, forse perché per la prima volta non mi sono sentito completamente a mio agio in una città brasiliana ma questo non deve spaventare perché Rio de Janeiro è una grande mistura di razze con persone che provengono da tutto il Brasile e da tutto il mondo.
Insieme a San Paolo è la città più cara per uscire, mangiare e divertirsi e non aspettatevi di essere trattati con i guanti bianchi perché il servizio non sempre è all'altezza della fama della città.

Quanto al sistema di trasporti direi che è ottimo, la quantità di autobus è elevata ed oltre al buon servizio di treno metropolitano è possibile contare su una foltissima onda gialla di Taxi che non sono assolutamente cari, certo se non parlate portoghese e non siete con un carioca il prezzo può notevolmente aumentare.
Il mio consiglio è di viaggiare sempre a tassametro sapendo che di giorno fino alle 18h00 la tariffa è la numero 1 (fin a due persone) mentre dopo passa a 2 che è la più cara.
Se fate uno spostamento con i bagagli prenotate il taxi attraverso la centrale telefonica, ne esistono varie e sono più sicure perchè viene registrata la chiamata ed è facile identificare il tassista che effettua la corsa.

Ad ogni modo gli autobus funzionano anche di notte e non sono tanto pericolsi.
Non uscite di casa con molti soldi e nemmeno con bracciali, anelli, collane e orologi molto cari...si vede da lontano che siamo turisti e quindi diventiamo facile bersaglio di chi ha cattive intenzioni.

Personalmente non ho avuto nessuno problema e mi sono sentito molto sicuro in una città che è inutile negarlo è abbastanza pericolosa.
Non abbaite fretta di essere serviti nei ristoranti o nei bar...il Carioca di nascita o di adozione si prende il suo tempo...quindi evitate di innervosirvi se il servizio è lento perchè come risultato vi rovinerete solo la permanenza nella città meravigliosa.



Tramonto nella Spiaggia di Ipanema


Parlando di Rio non posso non parlare delle spiagge. Nella zona sud sono tutte molto belle e simili, personalmente preferisco Ipanema a Copacabana, ma questi sono gusti.
Se avete fcilità di spostarvi vi consiglio la spiaggia dei Surfisti (Prainha) un pò lontana dalla zona Sud si trova dopo il Recreio: è di una bellezza emozionante.

In spiaggia potrete trovare qualsiasi tipo di cibo ma personalmente sconsiglio di comprare molte cose, soprattutto gamberi, perchè il livello di igiene e il calore non consigliano questo tipo di alimento.

Vedrete come gli abitanti di Rio tengono a mantenere una buona forma fisica, chilometri di pista ciclabile e centinaia di persone facendo jogging ne sono la viva testimonianza.

Oltre ai soliti luoghi turistici ben conosciuti vi consiglio una visita al Giardino Botanico, costa molto poco e ne vale la pena.


Se passerete il Carnevale a Rio non potete non andare al Sambodromo, lo spettacolo di Carnevale è splendido e il prezzo accessibile, personalmente assistendo all'apertura e ho scelto la Beija Flor de Nilopolis come mia scuola preferita.

Anche se non vi piace il calcio fate un salto al Maracanã...uno stadio in cui si respira la storia di questo sport.

Dovendo tirare un bilancio direi che la mia esperienza a Rio de Janeiro è stata positiva ma forse, dal momento che l'aspettativa era molto alta, sono rimasto un po' eluso per alcun aspetti di una città piena di fascino in alcune parti, miseria e contraddizioni in altre.
La città meravigliosa vi aspetta e conoscere il Brasile senza passare per Rio è come mangiara una bistecca fiorentina senza osso...



Chi furono e dove andarono i primi Italiani in Brasile? 
Di cosa si occuparono?
Un esempio di una famiglia italiana che con determinazione e lavoro costante raggiunse il successo. 
Il tutto in una lettura breve e veloce!
Condividi su Google Plus

About Diego Trambaioli

    Commenta con Google+
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato. Metti la spunta a Inviami notifiche per essere avvertito via email di nuovi commenti al post.