Frutta dal Brasile: Atemoia


È facile fare confusione con la frutta del gruppo delle Anonaceas in quanto ne esistono 250 specie e 33 generi, tra cui alcuni ibrido come l'Atemóia (Annona cherimola, Mill).

All'inizio del XX secolo gli Americani si dedicarono tempo a sviluppare un frutto che avesse un ritorno commerciale superiore alla Fruta do Conde e con un sapore della Cherimóia (della stessa famiglia) tanto che crearono un incrocio ibrido della famiglia delle anonáceas.
La prima pianta fu inserita in Brasile nel 1950 dallo IAC - Instituto Agronômico di Campinas, a São Paulo.

L'aumento del consumo di frutta esotica ha reso più popolare l'Atemóia che, per quasi mezzo secolo, non era apprezzata dai produttori o semplicemente non era conosciuta in tutte le regioni.

L' Atemóia si adatta a differenti condizioni climatiche, ha ereditato la caratteristiche della Cherimóia (Annona cherimola Mill), che da i suoi frutti nelle Ande, e della Fruta-do-Conde (Annona squamosa, L.), che sopporta temperature più elevate.
La Atemóia é un ibrido della Cherimóia (Annona chimola, Mill) da cui ha preso origine e da qui viene la confusione nel riconoscerla; le differenze sono lievi ma evidenti come ad esempio il peso.

La Atemóia ha forma di cuore ed è appuntita in una delle estremità.
Ha una buccia crespa, polpa bianca e carnosa con vari semi neri ed un peso di circa 450 grammi, ma può anche capitare che eccezionalmente superi un chilogrammo di peso.

Condividi su Google Plus

About Diego Trambaioli

    Commenta con Google+
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Non inserire link cliccabili altrimenti il commento verrà eliminato. Metti la spunta a Inviami notifiche per essere avvertito via email di nuovi commenti al post.